fbpx

Comunicazione integrata

Perché è importante
e come sfruttarla al meglio.

esagono-logo

Quando un agenzia decide di affrontare un progetto di comunicazione viene coinvolta in un processo di creazione e programmazione del lavoro che coinvolge ogni componente dell’agenzia di comunicazione. Da qui comincia il percorso di Comunicazione integrata. Ma di cosa si tratta esattamente? Una definizione molto semplice, quasi algebrica, potrebbe essere:

La comunicazione integrata è la risultante di tutti gli sforzi e le energie messe in pratica dalle realtà organizzate, come le agenzie in questo caso, finalizzate a restituire una compattezza di immagine attraverso le varie forme di comunicazione. Tutto al servizio di un unico obiettivo.

Dunque semplice no? Basterebbe trovare un punto comune e cominciare a disegnare una nuova comunicazione studiata e ragionata. In realtà non è cosi semplice. Bisognerebbe valutare caso per caso.

marvin-meyer-SYTO3xs06fU-unsplash
esagono-logo

All’interno di una agenzia di comunicazione possono esistere due casi fondamentali: Il cliente possiede già una struttura comunicativa alle spalle e ha bisogno soltanto di un incentivo, uno stimolo in più per pubblicizzare una cosa o un servizio in particolare

Il cliente che viene in agenzia e si affida totalmente ad essa, non possiede alcuna struttura comunicativa alle spalle e vorrebbe entrare nel mondo della comunicazione. Essere visibile, (onni) presente. In entrambi i casi può essere richiesto un progetto di comunicazione integrata, sia una campagna di comunicazione per un azienda già strutturata, sia per una nuova realtà.

Un progetto di comunicazione integrata ha bisogno di essere costruito su delle basi ben precise, secondo diverse fasi. Per completare queste fasi consigliamo una massiva attività di Brainstorming:

“come si fa un brainstorming e perché è cosi utile (e divertente)?”

Servono:

  • un tavolo grande
  • una moltitudine di post-it
  • un enorme foglio di carta dove mettere nero su bianco pensieri e disegnare schemi
  • delle menti sveglie attorno al tavolo
  • via libera alle idee
white-printer-paper-196645
esagono-logo

Le fasi

Studio preliminare

Studio del Brand: i valori del brand del nostro cliente. Chi è? da quanto tempo è sul mercato? ecc..
Studio del target: a chi si rivolge il nostro cliente? chi sono i nostri utenti finali? a chi dovrà parlare la nostra campagna?
Studio degli obiettivi: qual è il Goal finale della nostra campagna di comunicazione? (ad es.: vendere un prodotto / servizio; presentarsi sul mercato)
Studio dei rischi – weakness: Quali sono le potenziali minacce del nostro Brand? chi può essere contrario alla nostra campagna? Prepararsi al peggio come nelle migliori battaglie ?
Studio dei vantaggi: quali vantaggi potremmo trarre dal nostro messaggio di comunicazione? Quali sono i punti di forza, quelli su cui puntare tutto?

Pronti, partenza, via

Studio del target: capire a chi indirizzare la tua campagna è una fase delicata che influenzerà i processi di comunicazione successivi. Se non sai a quale pubblico ti stai rivolgendo, prova a rispondere a queste domande: chi usa il mio servizio o prodotto? Chi mi sceglie? Quali sono le abitudini dei miei potenziali clienti? Per capirlo, il passo successivo è d’obbligo
Studio dei competitor: chi come il mio brand offre lo stesso prodotto/servizio? Quante realtà analoghe alle mie ci sono nel mio territorio? qual è la loro fascia di prezzo? E’ importante che questa ricerca avvenga studiando (anche) l’opinione dei consumatori che usufruiscono dello stesso prodotto/servizio.
Scelta dei Canali: quali canali sono giusti per veicolare il mio messaggio? Advertising Above the Line – offline: Volantini, manifesti, annunci, tv, radio ma anche operazioni di Guerrilla Marketing. Below the Line – online: campagne Web, social, digital marketing

Creatività

In questa fase delicata, sono coinvolte le menti creative dell’agenzia. Succede che vengono prese tutte le considerazioni fatte finora e da esse elaborate, con il giusto Tempo le proposte creative. L’elaborazione del concept creativo è un processo che tiene conto di tutti i fattori sopra elencati ed è dunque di fondamentale importanza delineare le fasi precedenti per avere delle proposte concrete ed efficaci.

Nella proposta creativa si tiene conto ovviamente delle condizioni elevate all’inizio dell’articolo. Sia che si tratti di un cliente presente nel mondo della comunicazione, o che si tratti di un nuovo Brand il messaggio da veicolare DEVE risultare coerente, di facile comprensione e immediato.

L’obiettivo finale dunque è catturare l’attenzione di chi ci guarda, scaturire nella mente del consumatore finale un punti di domanda, una curiosità che gli permetta di soffermarsi sul nostro messaggio e valutare l’acquisto o l’adesione ad un prodotto /servizio.

Scroll to Top